fermaniDa qualche tempo mi sto appassionando alla sostenibilità ambientale e a quanto le nostre scelte alimentari influiscano sul presente e sul futuro del nostro pianeta. Non so se avete già visto il documentario “Cowspiracy: The Sustainability Secret”. E’ un documentario del 2014 prodotto e diretto da Kip Andersen e Keegan Kuhn e spiega come l’agricoltura intensiva e gli allevamenti intensivi stiano esaurendo le risorse naturali del pianeta. Lo reputo un bel documentario perché è riuscito a riassumere questo problema in maniera esaustiva svincolandosi da discorsi etico-salutistici e senza mischiare il problema ad altre tematiche vegan o affini che spesso non fanno altro che allontanare (creando spesso barricate idiologiche inutili) le persone al focus del discorso: la sostenibilità!

L’agricoltura animale è la prima vera causa di inquinamento, emissioni gas serra, deforestazione, emergenza idrica del nostro pianeta. Ma purtroppo la notizia è tenuta nascosta ai più. E tutti, dalla Chiesa (proprio in questi giorni) ai media fino ad arrivare alle associazioni ambientaliste, minimizzano o peggio ancora ignorano (più o meno consapevolmente) la realtà delle cose. Sì continua da anni a ripetere che la principale causa di inquinamento è la combustione fossile. Questa notizia incentiva a creare nelle persone un senso di impotenza e di rassegnazione generale che li porta (loro malgrado) a non cambiare il proprio stile di vita: per la serie “tanto non posso farci niente se le industrie o gli Stati bruciano carbone!”. E invece non è vero! Basta cambiare il modo di scegliere
cosa mangiare! Questa è la notizia da dare a tutti e ad ognuno! Il carbone, per come stanno le cose ora, è purtroppo un problema secondario!

Ecco, secondo me questo potrebbe essere un bel tema su cui i Radicali potrebbero dibattere! Visto che si sono sempre occupati di tutto, ma soprattutto di cose “scomode”, perché non occuparsi anche di scelte alimentari consapevoli e sostenibili? Perché non troviamo un modo efficace di informare e sensibilizzare più persone possibili? “Conoscere per deliberare” (tormentone molto caro a Marco Pannella che condivido pienamente) potrebbe trasformarsi in “conoscere per mangiare”! Non possiamo ancora perdere tempo a dire: la carne fa bene, fa male, fa venire un tumore, che pena uccidere un vitello o tenere una gallina in una gabbia… Queste domande, nella situazione a cui siamo arrivati, sono secondarie. Dobbiamo sbrigarci! La Terra non può più sopportare questo livello di produzione di proteine animali. Non possiamo più permettercelo! E l’unica soluzione, volenti o nolenti, resta quella di diminuire drasticamente il consumo di carne e dei suoi derivati.

Una bella battaglia, non per avere un futuro migliore, ma semplicemente per averne uno (di futuro!).
Grazie per l’attenzione. Buon lavoro.

Un modo per vedere il video gratuitamente: https://www.netflix.com/it/title/80033772
Pagina FB che si occupa di questo problema: https://www.facebook.com/MangiareConsapevole-1683570965189929/?fref=ts